Il verlan in qualche modo è la lingua segreta, anzi l’argot segreto dei francesi. Usato per lo più dalle generazioni più giovani, però. Tuttavia, alcune parole sono sempre più utilizzate, mentre altre sono considerate volgari o troppo familiari. Cédric ti svela le 10 parole di verlan più usate e più popolari in Francia, e il loro significato.

 

verlan

Parli verlan?

La lingua francese tanto cara alle signore e ai signori accademici, si è evoluta. Dopo averti parlato qualche settimana fa dell’argot francese, oggi ti parliamo in verlan. È una sorta di linguaggio segreto che oggi usano soprattutto i giovani. Si crea invertendo le sillabe di una parola per sembrare più “cool”. Infatti «verlan» viene da l’envers (il contrario). Da l’envers si passa a «verlan». Semplice, no?

Se alcune parole sono al limite del volgare, come “meuf” per donna, altro conferiscono più impatto e peso rispetto alla versione originale in una conversazione (come “relou” e lourd).

Il nostro Cédric oggi condivide con noi una lista di parole in verlan: le 10 più usate in Francia. Anzi, le 10 parole più popolari. Un video da vedere in francese su YouTube, con o senza sottotitoli, o direttamente qui sotto.

Non dimenticare di iscriverti al nostro canale YouTube per scoprire altri trucchi di apprendimento

 

Le 10 parole in verlan più popolari in Francia

  1. Meuf : si usa la parola meuf (femme <=> meuf) per parlare di una ragazza o di un gruppo di ragazze. È una delle parole di verlan più note ma può anche sembrare molto sessista. Come in: Comme elle est canon cette meuf !
  2. Keum : allo stesso modo, si può usare il verlan con altre parole d’argot come le mec che diventa keum (mec <=> keum), per parlare del fidanzato di qualcuno. Se parliamo della meuf di prima, puoi dire: C’est vrai mais elle a déjà un keum !
  3. Ouf : Si può fare verlan con parole brevissime come le fou che diventa ouf (fou <=> ouf). Puoi usarlo per parlare di una persona o una situazione sorprendente. Ad esempio: Il paraît que son keum n’a peur de rien c’est un vrai ouf !
  4. Pécho : le parole d’argot più comuni hanno una versione in verlan. Per choper, beh è pécho. Vuol dire prendere o afferrare ma anche sedurre qualcuno. Il a pécho sa meuf dans le métro ce ouf !
  5. Véner : spesso può esserci una sillaba che sparisce. Come per véner che viene da énerver. È più facile da pronunciare così. Comme je suis trop véner, je la kiffe bien sa meuf ! Per questo è meglio evitare di creare un proprio verlan all’inizio e usare solo quello già noto.
  6. Chelou è più usato di louche, ad esempio, per dire che qualcuno o una situazione è strana. T’est chelou toi, t’as déjà une meuf, non ?
  7. Chanmé : è uno slang che evolve velocemente. La parola chanmé ad esempio si usa da quando si dice méchant per dire “va bene“. Oui mais je kiffe son style, il est trop chammé !
  8. Relou : molto verlan viene da espressioni d’argot come “relou” che viene da lourd (pesante) e vuol dire fastidioso o irritante. Niente a che fare con il peso. Si usa quindi il verlan per esagerare qualcosa.
  9. Zarbi : il verlan di bizarre, è più forte di bizarre ad esempio. Come per dire quel ragazzo è davvero strano: Et toi, j’ai jamais vu avec une meuf, c’est trop zarbi !
  10. Zonmé : fai attenzione quando usi questo gergo! Potresti essere molto volgare se lo usi con una persona che non conosci. Come per la parola “zonmé” (maison) Non usarla con chiunque! C’est toi le zarbi ! Allez viens, on rentre à la zonmé.

 

Adesso devo tornare alla “zonmé”… Bene, non esitare a lasciare un like e ad iscriverti al nostro canale MosaLingua. E se vuoi apprendere più argot, puoi scaricare la nostra app per imparare il francese.