Eliminare il proprio accento e parlare come un madrelingua è il sogno della maggior parte delle persone che si cimentano con l’apprendimento linguistico.
Sulla base delle mie esperienze e letture, sono giunto alla conclusione che ognuno possa acquisire una pronuncia perfetta al punto da essere scambiato per un nativo. Per alcune persone questo processo di miglioramento richiede un po’ di tempo e avviene in maniera naturale, mentre per altri è necessario impegnarsi attivamente con risultati riscontrabili solo dopo qualche anno. Personalmente, rientro nel secondo caso : anche se vivo da anni in Francia, la mia origine italiana viene rapidamente identificata quando parlo in francese e per una questione di scelta, non ho mai voluto fare sforzi per nasconderlo. Il mio accento fa parte delle mie origini di cui sono fiero ed è in qualche senso il mio modo di parlare mi rende particolare agli occhi degli altri. Per l’inglese, ho invece voluto impegnarmi attivamente per avvicinare il più possibile il mio accento a quello British che adoro. Tutto questo per dire che non c’è nulla di male nel conservare un piccolo accento del vostro paese, ma se avete voglia di perfezionarvi ed essere scambiato per un “native speaker”, vi propongo un po’ di consigli utili per riuscirci!

1. Scegliere dall’inizio un accento preciso

American English o British English? Spagnolo dell’America Latina o della Spagna? Quando scegliamo lingue molto diffuse, è bene scegliere dall’inizio la variante che volgiamo riprodurre perché spesso le maggiori differenze risiedono proprio nell’accento. Personalmente ho scelto il castigliano della Spagna per motivi lavorativi (maggiori scambi con il continente europeo) e il portoghese brasiliano perché ne preferisco le sonorità e poiché ho alcuni amici in Brasile. Come spiegato in questo interessante articolo che vi consiglio di leggere (in fondo trovate la traduzione italiana), si tratta di una scelta meramente personale che dipende da vari fattori come i gusti, la disponibilità di materiale, il lavoro, la possibilità di viaggiare e le contingenze della vita.

2. Esporsi molto all’accento scelto e privilegia materiale audio che lo riproduca

Una volta scelto l’accento che preferite o di cui avete maggior bisogno, esponetevi di preferenza a registrazioni, podcast, trasmissioni radiofoniche o televisive e risorse audio che vi aiutino ad impregnarvi e fare vostro tale accento. Personalmente guardo solo la televisione brasiliana e mai quella portoghese per cercare di facilitare il lavoro di “imitazione” dei suoni, intonazioni e gesti del popolo carioca. Per l’inglese, la scelta più semplice è senza dubbio l’American English : non solo è molto più semplice, ma la maggior parte dei film, delle serie tv e del materiale audio in giro riproduce l’accento nordamericano. In ogni caso, l’importante è esporsi continuamente all’accento che vogliamo riprodurre : fatene una routine ascoltando podcast tutti i giorni o guardando una trasmissione tutti i giorni.

3. Parlare piano

La tentazione di molti è voler parlare velocemente sin dall’inizio facendo inevitabili errori di pronuncia. Soprattutto all’inizio è importante scandire bene tutte le parole parlando in modo lento. In questo modo potrete pronunciare attentamente i vari suoni ed avere un accento più fedele all’originale!

4. Parlare sin dai primi giorni

Se non aprite bocca, sarà difficile migliorare. Il mio consiglio è ripetere i suoni ascoltati sin dal primo giorno in modo da esercitarsi in modo attivo. È importante vincere la timidezza e lanciarsi prima ripetendo ad alta voce e parlando da soli e poi creando occasioni per parlare con altre persone. Senza la pratica, non migliorerete mai!

5. Cercare di parlare correttamente e curare la pronuncia dall’inizio

Conosco molte persone che hanno imparato delle lingue per mesi sui libri, senza mai esporsi al linguaggio parlato. In seguito, si sono rese conto che avevamo imparato male alcuni suoni e avevamo preso cattive abitudini come pronunciare le frasi “all’italiana”, ossia con il nostro ritmo cantilenante. Ci sono voluti mesi ed in casi anni per correggere quegli errori. È importante quindi dare massima importanza alla corretta pronuncia di una lingua sin dall’inizio per guadagnare tempo ed evitare di doversi sforzare in seguito per correggersi.

6. Parlare con dei madrelingua per farti correggere

Grazie ai siti di scambio linguistico, possiamo parlare gratuitamente e comodamente da casa con madrelingua provenienti da tutto il mondo. Ecco la nostra selezione dei migliori siti di scambio linguistico per praticare gratis le lingue su internet. Parlando con dei nativi, potranno aiutarti a correggere gli errori ricorrenti permettendoti di migliorare velocemente.

7. Consultare i dizionari on-line e i siti dedicati alla pronuncia

Come spiegato nel nostro articolo I migliori dizionari gratuiti su internet per migliorare in inglese, spagnolo e francese, esistono molti dizionari su internet che non solo riportano la trascrizione fonetica delle parole, ma soprattutto propongono le registrazioni audio. È molto utili consultarli spesso, soprattutto in caso di dubbio. Un servizio molto interessante è Forvo, in cui troverete la pronuncia delle parole nelle diverse varianti.

8. Registrare la vostra voce parlando nella vostra lingua obiettivo

Con il computer o telefono, registrati mentre leggi o parli per riascoltarti e paragonare la tua pronuncia a quella originale. Potrai cosi renderti conto dei suoni che devi migliorare.

9. Non trascurare intonazione, ritmo, musicalità e linguaggio non verbale

Avere un buon accento non significa soltanto pronunciare correttamente, ma soprattutto essere capace di adottare il ritmo, la musicalità e le specificità della variante che vogliamo riprodurre. Allenatevi sottolineare le parole e gli accenti, alla maniera dei madrelingua. Il vostro accento sembrerà molto più naturale. Se il vostro obiettivo è passare per un madrelingua, allora dovrete cercare di riprodurne il linguaggio non verbale, i gesti, la maniera di avvicinarsi al corpo degli altri e via dicendo. Uno spagnolo che parla inglese e viceversa dovranno sforzarsi di avvicinare il più possibile il loro stile a quello dell’altro.

10. Cantare canzoni in lingua originale

La musica può diventare uno strumento utilissimo per migliorare soprattutto per l’intonazione ed il ritmo. Divertiti a cantare con i video delle tue canzoni preferite e usa i tanti siti disponibili su internet per praticare a ritmo di musica (ecco la lista dei migliori per noi).

11. Trovare un modello da imitare

Personalmente avevo scelto Hugh Grant per cercare di riprodurne l’accento che adoro. In effetti, giocare a fare l’imitatore puo davvero darvi una marcia in più. Scegliere un personaggio famoso o un cantante ed ascoltate il suo modo di parlare. Ripetete con lui e cercate di imitarlo. Pian piano riuscirete ad avvicinarvi al suo modo di parlare.

Allora siete pronti per migliorare? E se avete dei consigli da condividere, non esitate a lasciare un commento!